@Shamar @karjudev @Ca_Gi @paolo @samba @ginox il lavoro di debug lo fa chi ne ha davvero bisogno, solitamente contributors

@Shamar Il fatto é che così come non si può pretendere che uno debba studiare ingegneria aeronautica per prendere un volo Roma-Catania, ha poco senso pretendere che tutti coloro che usano device informatici diventino programmatori capaci di fare debug. Ha senso pretender solo che abbiano almeno un’infarinatura tale da permettergli di scegliere i “meccanici” con cui confrontarsi. @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar É importante che sia software libero e verificabile da chiunque abbia le competenze, ma non si può pretendere che queste competenze le abbiano tutti coloro che lo utilizzano. Non dimentichiamo che stiam parlando di strumenti complessi che richiedono una certa specializzazione. @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar La programmazione é una forma d’espressione che richiede un certo tipo di competenza e su quest’ultimo punto si ha convergenza con tutto ciò che richiede specializzazione: medicina, meccanica, architettura, aerodinamica. Il fatto che esistano degli specialisti specifici, specie su settori complessi, é una conseguenza di questa stessa complessità. La differenza semmai > @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar > é distinguere quando chiunque voglia può apprendere uno strumento aperto oppure no. Non c’é alcun segreto nelle proprietà fisiche che devono esser rispettate per avere un edificio sicuro, ma serve che qualcuno le studi perché le possa padroneggiare. Non per questo chi non le ha studiate non può abitare tali edifici. @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar Non si può essere competenti su tutto, ovviamente. Chi studia fisica o medicina esercita su di me un potere in quei campi? Si, così come chi ne capisce di programmazione ed alimentazione eserciterà su di loro il potere di queste altre competenze ed io eserciterò su tutti loro il potere della mia competenza unica. Ma si tratta di potere/competenza culturale aperta. @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar É vero che l'informatica é trasversale e riguarda praticamente chiunque, ma così é anche per la fisica, la medicina, il linguaggio mediatico (psicologia e semantica dei media), i meccanismi economico-finanziari internazionali, la climatologia... Sono diversi i campi specialistici che toccano l'intera umanità ma possiamo davvero illuderci che in futuro l'intera umanità diventi esperta di tutti questi (ed altri) saperi? @aaronwinstonsmith @karjudev @paolo @samba @ginox

@Shamar penso che la stessa osservazione valga anche per altre discipline, ma chiaramente gli strumenti che siamo costretti ad usare ci possono ingabbiare o possiamo usarle a nostro vantaggio, per questo dobbiamo sapere come funzionano i computer allo stesso modo di come funziona ad esempio la burocrazia e le leggi
@Ca_Gi @karjudev @paolo @samba @ginox

@aaronwinstonsmith

Le persone sono condizionate a pensare che sia una specialità perché è una attività affidata a specialisti come altre.

Ma in realtà non è come le altre: noi siamo scriba, pionieri in un territorio intellettuale nuovo e ancora tutto da esplorare.

L'Informatica è ancora molto primitiva e proprio per questo è uno strumento di Potere.

Ma non c'è altro modo di renderla Democratica che insegnarla a tutti.

@Ca_Gi @karjudev@mastodon.uno @paolo @samba

Sign in to participate in the conversation
Mastodon

Server run by the main developers of the project 🐘 It is not focused on any particular niche interest - everyone is welcome as long as you follow our code of conduct!